Tag

, , , , , , , , ,

IMG_3677

Rischio spoiler: basso

Definizione di “crossover”: festa dove si può conoscere gente nuova e interessante.

Sarà capitato a tutti, credo, di essere invitati a una festa dove non si conosce nessuno, magari in discoteca. Se si accetta lo spirito della serata, è facile riuscire a divertirsi; se invece si pretende di discutere per forza del prossimo esame di sociologia, è probabile rimanere delusi.

Anche il primo storico crossover di casa Bonelli fra Dylan Dog e Dampyr inizia in una discoteca, e io sono fra quelli che si sono divertiti parecchio, grazie al ritmo da “action horror” orchestrato da Recchioni e Gualtieri e al segno classico di Bigliardo, che mi ha ricordato i vecchi e gloriosi magazine in b/n della Marvel. Questa operazione, che si concluderà su Dampyr #209 in edicola fra qualche giorno, è stata arricchita dalla possibilità di avere due copertine alternative per ciascun albo, che componendosi formano un’immagine più grande.
Prosegue, quindi, l’attuazione di strategie editoriali e di comunicazione già ampiamente sperimentate negli USA con successo, ma che per l’editore milanese costituiscono novità assolute. Mi viene da chiedermi perché ci si prova soltanto adesso, e perché si sente ancora la necessità di chiarire in una lunga nota cos’è un flash mob. Poi però leggo sui social network i commenti di alcuni fan, ai quali si deve rispiegare tutto almeno 3 volte, e ogni perplessità si dissolve, lasciando spazio solo a tanta solidarietà per i curatori.

Amici festaioli, accettate l’invito senza indugi, io sono già in coda per il secondo party.

Alessio Bilotta

Nella foto, il mio primo e il mio ultimo crossover da lettore.

Annunci