Tag

, , ,

Cover-Angri-Lunica-voce-DEF

Il rapporto fra i suoni e il fumetto è sempre stato difficile, evidentemente perché il nostro medium preferito è un’arte soltanto visuale. Non ricordo molti autori che hanno provato a sviscerare questo tema, e certo gli interrogativi sono molti, e tutti difficili da risolvere: che voce ha quel personaggio? Che rumore fa quella onomatopea? Rimane tutto nella testa del lettore, in uno spazio vuoto che forse è importante tanto quanto lo spazio bianco fra una vignetta e l’altra.
Ho quindi apprezzato parecchio, al di là dei tanti altri meriti del fumetto in questione, che in quest’ultima opera di Tiziano Angri fossero proprio i suoni delle voci a giocare un ruolo da protagonisti, anche con risultati spiazzanti, come nella breve sequenza in cui la protagonista incontra i due muratori.


È una storia ambientata nelle periferie più squallide della provincia italiana, con personaggi che vivono ai margini di quella che comunemente, ipocritamente, verrebbe indicata come un’esistenza “normale”. Yuri e Irene, questi i loro nomi, sono il primo tormentato fin dall’infanzia da un disturbo all’udito, che lo rende fortemente insofferente alle voci, e l’altra imprigionata in un corpo maschile del quale vorrebbe liberarsi con un’operazione chirurgica, che per pagarsi non esita a prostituirsi con vecchi laidi e disgustosi. A guardar bene, però, tutti i personaggi sono mostruosi, di una bruttezza che è esagerata da un uso quasi entomologico delle sproporzioni, e che in qualche modo riflette ed amplifica sia la desolazione dell’ambiente circostante, sia l’ambiguità morale dei sui abitanti. Difficile separare le vittime dai carnefici, o la cattiveria dalla fragilità, distinguendo le cause dagli effetti, però non credo che prenderesti un caffè con uno di questi personaggi, che pure, allo stesso tempo, esprimono compassione e una contraddittoria tenerezza.
Merito del segno netto e tuttavia deformato dell’autore, straordinario burattinaio capace di fondere facilmente gli incubi sognati con gli incubi reali, popolando le vignette di strani esseri antropomorfi che ti viene voglia di stringere, anche se probabilmente si tratterebbe di un abbraccio gelido.
angri-lunica-voce-ink-pdf-completo-2Anche se, alla fine, questa storia potrebbe finire nella catalogazione di comodo dei “racconti intimisti”, non ci sono colori delicati o tratti sottili a suggerire una certa complicità, ma ci sono invece contorni decisi e neri densissimi, oltre ad un minuzioso amore per i dettagli, per una visione del mondo senza compromessi né mezze misure, che ricordo così coerente solo nei lavori di Charles Burns.

Il libro è pubblicato da Coconino Press, ha 128 pagine e costa 16€, puoi trovarlo in libreria, fumetteria e sul sito dell’editore.

Per saperne di più
Intervista di Virginia Tonfoni a Tiziano Angri per Fumettologica

Annunci