Tag

, , , ,

Sei mesi dopo l’album speciale realizzato da Serpieri, che aveva fatto storcere il naso ad alcuni puristi di Tex, Bonelli ci riprova e propone in edicola un secondo cartonato elegante e di grande formato (52 pagg. a colori a 8,90€), che diventa quindi il secondo numero di Romanzi a Fumetti, nuova collana dedicata ad Aquila della Notte.
La storia è ambientata nella giovinezza del ranger, ed è ancora una volta un classico racconto di vendetta, in cui Tex è affiancato da un’insolita compagnia, cioè una bionda e affascinante ragazza francese, cantante e ballerina di saloon.
Sceneggiata dal veterano Mauro Boselli (35mila pagine a fumetti finora, come recita la sua biografia infondo al volume), con uno stile asciutto e privo di didascalie, è disegnata e colorata da Mario Alberti, artista di spessore internazionale che vanta parecchie pubblicazioni anche in Francia e negli Stati Uniti.
Il segno, sottile e nervoso, graffia la pagina con le stessa energia che possiedono gli schizzi, e infatti i personaggi riescono a trasmettere una forte emotività quasi in ogni vignetta, grazie anche a certe piccole imprecisioni che accentuano la sensazione di incompletezza del disegno, amplificando quindi l’illusione di vitalità e movimento. Il montaggio delle tavole è decisamente distante dalla rigida gabbia bonelliana, e fa grande uso di ampie panoramiche senza bordi, composizioni irregolari e vignette che si sovrappongono l’una all’altra, anche se poi l’effetto complessivo non è così sconvolgente, probabilmente a causa di una regia ancora piuttosto controllata. I cambi di scena, infatti, non sono mai troppo bruschi, e anche le inquadrature scelte sono quasi sempre a distanze e ad angolazioni neutre, movimentate soltanto da qualche primissimo piano.
Un difficile equilibrio fra la tradizione più sacra e la voglia di concedere maggiore libertà agli artisti, in una notevole e promettente anticipazione di ciò che, un giorno, potrebbe diventare anche un fumetto sempiterno come Tex.

 

Alessio Bilotta
Annunci