Tag

E ora, qualcosa di completamente diverso. Sì, perché considerando che quasi tutte le fiere del fumetto sono diventate ormai fiere dell’intrattenimento (con dispiacere mio e giubilo di tantissimi altri), poter parlare del catalogo di una vera mostra, che privilegia la scoperta e l’approfondimento, è un evento piuttosto raro. La mostra in questione è stata ospitata in occasione dell’ultima edizione del Treviso Comic Book Festival (guarda qui), che forse è rimasta l’unica manifestazione italiana di settore, insieme al BilBOlbul  di Bologna (in programma dal 21 al 23 novembre prossimi), a mettere ancora in primo piano gli aspetti più culturali e artistici del fumetto, lasciando perdere il resto.
Apprezzo tantissimo l’approccio esplorativo di questa iniziativa, e quindi del relativo catalogo, perché poco o nulla si sa di fumetto portoghese alle nostre latitudini, e invece è un movimento che dà tutta l’impressione di essere molto vitale e variegato. Forse perché, come scrive l’editore indipendente  Marcos Farrajota nella prefazione, il fumetto portoghese è “solo prodotto d’autore”, mancando una vera e propria industria nazionale delle pubblicazioni a strisce, a differenza di quanto succede in USA, Giappone ma anche Francia e Italia.
Il bel catalogo, curato dal direttore artistico della mostra, il sempre ottimo Alberto Corradi, è soprattutto un’antologia che ospita i fumetti di 14 autori, i quali offrono una panoramica piuttosto diversificata della scena portoghese; troviamo infatti lavori che spaziano da storie di genere dal taglio più popolare, e che ricordano certe produzioni francesi, a cose più sperimentali, che non sono tanto riconducibili a qualche scuola, quanto piuttosto ad un approccio trasversale e internazionale di utilizzare il mezzo. In particolare, mi hanno colpito i bambini cattivissimi e dai tratti giapponesi di Afonso Ferreira, il gioco di inquadrature e punti di vista di Felipe Abranches, le allucinazioni grafiche di Pepedelrey e la rivisitazione di certi temi underground operata da Rudolfo.
Il volume è stato pubblicato in collaborazione con la casa editrice portoghese Chili Com Carne, ha 88 pagg. in b/n e a colori, costa 15€ e si può acquistare direttamente presso l’editore (qui). Contiene anche una breve storia del fumetto portoghese e una piccola guida turistica al Portogallo per gli appassionati di fumetti.
Alessio Bilotta

Annunci