Tag

Appena ieri si celebravano i 25 anni della caduta del muro di Berlino, un evento di proporzioni socio-politiche così grandi la cui reale portata, probabilmente, non è stata ancora del tutto compresa. Non sta certo a me avventurarmi in considerazioni di merito, però mi fa piacere approfittare della ricorrenza per consigliare quello, che a mio modesto avviso, è stato uno dei migliori fumetti italiani pubblicati nel 2014, e che appunto si svolge a Berlino, dieci anni prima della caduta del muro.
Non ricordo molti fumetti che sono stati capaci di raccontare in maniera tanto incisiva un periodo così recente della nostra storia, e ne ricordo ancora meno che si sono affidati a personaggi immaginari, forse perché realizzare un “documentario disegnato” è più semplice che inventarsi un soggetto appassionante e coerente allo stesso tempo. I protagonisti di questo fumetto, e cioè il freddo agente della STASI Friedrich e Marlene Becker, una cantante che Friedrich adora ma che deve sorvegliare perché sgradita al regime, mi sembrano invece particolarmente riusciti, sia come personaggi letterari, sia come esempi perfetti per raccontare quegli anni terribili, in cui la delazione era la merce di scambio perfetta per evitare la persecuzione. Una storia d’atmosfera, opprimente e raggelante, nella quale, per una volta, non ci sono i soliti eroi noiosi e stereotipati sotto i riflettori, perché è l’umanità fragile di persone qualunque ad essere al centro dell’ottima sceneggiatura del mio quasi omonimo Alessandro Bilotta.
Il male non è un antagonista dalle fattezze lombrosiane, ma si manifesta piuttosto come la fatica di vivere indossando sempre una pesante maschera, la maschera di falsità e convenienza imposta a tutti dal governo dell’allora Germania Est, che nasconde tradimenti, paure e crisi di coscienza, e che può forse essere strappata via solo dall’amore per la bellezza.
Straordinari i disegni di Matteo Mosca, un artista dal segno molto dettagliato e preciso che è stato in grado di restituirci benissimo un’epoca attraverso gli ambienti e gli oggetti ma che è stato anche capace di infondere nei personaggi un’intensità drammatica davvero di rara potenza.
Questo fumetto è uscito in edicola lo scorso gennaio come il n° 16 dell’antologico Le Storie, ha 110 pagine in b/n, costa 3,5 € e può essere acquistato direttamente sul sito dell’editore, cioè qui.
Voto: 8,5
Alessio Bilotta

Annunci