Tag

A me i fumetti d’avventura sono sempre piaciuti; anzi, aldilà di ragioni storiche, penso che questo genere sia adattissimo ad essere sviluppato con i disegni, proprio per la loro capacità di esaltare e rinnovare in modo coerente certi elementi narrativi che possono, invece, risultare facilmente stanchi o stereotipati. La ripetizione dei medesimi concetti, situazioni e personaggi può infatti diventare molto sterile e noiosa, specie nei prodotti seriali quando le sceneggiature non sono altro che dei “taglia/incolla” realizzati con pezzi presi da romanzi di genere, film, serie TV o altri fumetti, senza un minimo di inventiva e originalità… una pratica a dire il vero piuttosto comune, che non per questo non deve essere biasimata.
Forse anche il soggetto del fumetto che consiglio oggi non è particolarmente originale, tuttavia il giovane autore Spugna (al secolo Tommaso Di Spigna, qui al suo esordio) riesce ad iniettare nella sceneggiatura e nei disegni una forza così prorompente che anche le sequenze più scontate diventano elettrizzanti e meravigliose.
La storia racconta di una ciurma di marinai alla ricerca del classico tesoro misterioso nascosto su un’isola sperduta, un’avventura di mare fatta di cazzotti e spacconate che improvvisamente si trasforma in un racconto dell’orrore, quasi una versione di Alien ambientata negli abissi. Mi ha colpito moltissimo lo stile del disegno, sorprendentemente sicuro per un esordiente, che rinuncia finalmente alle soluzioni realistiche, praticamente la norma nei fumetti d’avventura, per utilizzare invece dei personaggi da cartoon crepitanti di energia oscura, che sembra quasi di poter percepire quando vediamo sferrare i pugni o strappare le viscere dei mostri. Un libro che mi ha conquistato subito per la sua potenza visuale e la sua immediatezza, e un altro magnifico colpo messo a segno dalla rinata GRRRz, che non esito a definire la migliore casa editrice di fumetti italiana, perché da anni persegue una linea coerente e originale senza preoccuparsi delle mode, ma badando solo alla qualità.
Il libro è un cartonato di 112 pagg. in b/n, costa 18€ e se la tua libreria fosse così sciagurata da non ordinarlo, puoi comprarlo qui direttamente dall’editore. Postfazione illuminante di Maicol&Mirco.
Voto: 8
Alessio Bilotta


Annunci