Tag

, ,

Approfitto del fatto che una settimana fa il Post ha dedicato un articolo ad un artista che mi sta molto a cuore, ci metto pure il link così magari qualche stagista de Il Post segue il link a ritroso, legge l’articolo e lo segnala al buon vecchio Sofri che si innamora di noi e ci fa una pubblicità da paura (tutto aggratis che noi siam braccini). Tra l’altro non posso non raccomandare la lettura de Il Post nel suo complesso: è uno dei pochi giornali on line che fa del buon giornalismo con precisi approfondimenti e che quando parla di fumetti non si limita a citare Tex, Diabolik e l’Uomo Ragno come fanno invece altri che preferisco non nominare ma che voi potete facilmente intuire (così mi ha detto di dire il mio avvocato).

Joan Cornellà è lo pseudonimo di Renato Valdivieso ed è un fumettista spagnolo con al suo attivo un paio di pubblicazioni cartacee. Ma è on line che la sua celebrità assurge a vette stratosferiche. Magari pensate di non conoscerlo, il suo nome non vi dice nulla, ma è assai probabile che negli ultimi anni abbiate buttato un occhio, da qualche parte del web, su una sua qualche creazione.
Renato pubblica le sue tavole a cadenza variabile, ma entro pochi giorni vengono rimbalzate sui social network e sui siti non solo di illustrazione. Le sue opere sono dipinte con colori pastello e con un tratto lineare ed infantile, sereno, ma i suoi personaggi, muti e sorridenti, sono colti durante le azioni più atroci e violente. Una malsana atmosfera di irrealtà permea il lavoro di Cornellà, caratterizzato, secondo Lambiek, da “una violenza non consequenziale e un assurdo surrealismo”. Sesso, sangue, violenza sono i temi ricorrenti dei suoi lavori, affrontati con un approccio didascalico e disarmante che non può non ricordare certe opere del suo compatriota Miguel Angel Martin o il Cowboy Henk di Kamagurka and Herr Seele.
Date un occhiata al sito. Se le sue opere vi incuriosiscono, potete avere l’occasione di incontrarlo dal vivo e farci quattro chiacchiere a Lucca questo sabato, dove Renato sarà per presentare il suo nuovo lavoro Mox Nox. Scopro anche se la sua passione è quella di fare la comparsa nei film porno. Curioso personaggio.

Heike

Risorse web:
Joan Cornellà
– Il dove, come e quando di Renato Valdisievo a Lucca

PS: con nonchalanche vi segnalo che saremo a Lucca Comics pure quest’anno, casomai Sofri e lo stagista volessero passare. Ci trovate nell’area self a vendere fumetti, a fare esercizi di alta prestidigitazione e a deridere l’abbigliamento dei passanti. Venite gente, ma vestite casual.

Annunci