Tag

,

“Ma che bel fumetto, come disegni bene, che bel tratto deciso, mi ricorda molto Hergé, no aspetta, volevo dire Floyd Gottfredson, e queste anatomie complesse sono come quelle di Otomo, un momento, ma che dico, che plasticità, che grazia, che potenza, ma sembrano affreschi di Michelangelo, questo volto sembra dipinto da Goya, Rembrandt, oh mioddiò, ma che meraviglia, sei il più grande disegnatore vivente, di che parlano i tuoi fumetti?”
“Questa è la storia di un cauboi che da la caccia ai ladri di bestiame e quando poi li arresta gli danno un premio e lui poi è felice e va al saloon e mangia bistecca e patatine e vissero tutti felici e contenti.”
“Era meglio se disegnavi male.”

E Lario3, appunto, disegna male.
Ma scrive BENISSIMO. Lario3, nome d’arte di Davide La Rosa, è il poliedrico autore di una interminabile lista di serie umoristiche tutte (o quasi) pubblicate sul suo blog Mulholland Dave a partire dal lontano 2005, e stiamo parlando, all’incirca di qualcosa come oltre 2300 sturiellet.
L’umorismo di Davide al primo impatto può lasciare perplessi, dato che si basa principalmente sull’iperbole e lo straniamento: i suoi sono veri fumetti dadaisti, esperimenti di rimescolamento culturale basati sulla contrapposizione feroce tra alta e la bassa cultura, umorismo da scuola elementare e raffinati calembour, citazioni massimaliste e sottili giochi di parole. Il tratto è ridicolmente brutto ed elementare, frutto di un deciso rifiuto del bello stile (o del tentativo di migliorarsi) e di una grande, incontenibile amore per il fumetto – perché solo chi ama i fumetti potrebbe decidere di disegnarli pur non essendone platealmente in grado.
Le opere di Lario3 sono conosciute nel mondo del fumetto digitale italiano praticamente da sempre, ma recentemente il suo talento è riuscito a trovare strada anche nel mondo reale, grazie ad un lavoro scritto da Davide e disegnato da Vanessa Cardinali dallo straordinario (e sottolineo straordinario) titolo Zombie Gay in Vaticano, presentato a Lucca 2011 e andato immediatamente esaurito. Davide ha oramai abbandonato il suo maniero digitale e sembra essersi dedicato più attivamente alle sue produzioni cartacee (Dio, la serie delle Suore Ninja, l’imminente Prussiani Vs Alieni…), ma il suo straripante archivio on line è sempre lì, aggiornato sporadicamente. Visitatelo, incontrate Mussolini e il Trio Occhialuto Antifascista, l’Uomo Lapide, il Detective Smullo, l’Arrotino, Papa Sisto Primo: vi sorprenderanno, e scoprirete la meraviglia dei fumetti disegnati male.

Heike

Risorse web:
Mulholland Dave
– Il sito fatto male dei Fumetti Disegnati Male di La Rosa e Mattioli
– Le vignette di La Rosa sul programma Voyager ospitate sul sito di Voyager (?!)

Advertisements