Tag

,

 

Amici! Dopo una pausa protrattasi oltre le normali consuetudini umane ritorna la rubrica di Slowcomix più seguita nei paradisi fiscali di Andorra, Cipro, Macao e San Benedetto del Tronto, o almeno questo è quello che sono riuscito a dedurre da Google Analytics. E per celebrare degnamente il mio ritorno su queste pagine digitali a disturbare il vostro riposo domenicale, vi propongo una lettura piacevole e sorprendente (no, non il mio diario delle vacanze):

Romantically Apocalyptic è un progetto legato a doppio filo con un sito che molti conoscono ma che nessuno – a parte i suoi stessi utenti – frequenta veramente: Deviantart. Di che si tratta? In buona sostanza Deviantart è una bacheca aperta alla libera contribuzione di illustratori, disegnatori, fumettisti, graphic designer e tutti coloro che operano all’interno della definizione di artista visivo. Come è facilmente intuibile, i contenuti di Deviantart hanno una qualità decisamente varia, ma i grandi pregi di questo sito sono, da una parte, la capacità di creare contatti tra autori che operano in modo simile o si riconoscono nella stessa sensibilità artistica, e dall’altra di aver generato e mantenuto una comunità viva e quantomai attiva.
Proprio in questa comunità nasce e si sviluppa il mondo di Zee Captain, il protagonista stralunato delle avventure nel mondo post-apocalittico di RA. Il progetto, iniziato da alcune tavole realizzate da Vitaly S. Alexius e postate sulla sua bacheca di Deviantart, è frutto del lavoro di un team fisso di quattro fotografi e cinque illustratori più un numero crescente di ospiti e collaboratori: basandosi sullo storyboard realizzato dagli illustratori, i fotografi realizzano in studio il materiale base che viene poi passato agli illustratori i quali, con l’aiuto di Photoshop e attingendo al vastissimo e crescente archivio d’immagini del team, producono la tavola finale.
RA non è un webcomic tradizionale, inteso nel senso di “fumetto spostato su altra piattaforma”: il lavoro del disegnatore non è più disegnare, ma ritoccare un’immagine fotografica e trasfigurarla, privandola di realismo sino a renderla un disegno, in un rovesciamento di paradigma che farebbe uscir di testa molti editori di fumetti nostrani. E la scomparsa dell’autore, dissolto in un team di collaboratori che non firmano le tavole in quanto le sanno frutto di un lavoro collettivo, prefigura forse la direzione in cui si muove il fumetto del futuro. E questa potrebbe essere una direzione interessante.
Perché, come ci insegna Zee Captain, anche in un futuro post-apocalittico c’è spazio per un po’ di sana fantasia.

Heike

Risorse web:
Romantically Apocalyptic
– Una breve e interessantissima spiegazione sul come vengono realizzate le tavole
– Il who’s who se volete cominciare a leggere il fumetto da zero
– Il Deviantart di alexiuss, che ha dato il via a tutto
– Alcune tavole tradotte in italiano, purtroppo nella tremenda fruibilità di Deviantart

Advertisements