Tag

, , , ,

A che serve internet?
No, non venitemi a parlare di comunicazioni a lunga distanza. Lo so, lo so, che la killer application di internet, all’inizio, erano le email, la possibilità di comunicare (quasi) istantaneamente. Ma non mi si raccontino fesserie, per piacere.
E no, non tiratemi fuori nemmeno questa storia dell’archivio umano, internet come repository definitivo di tutta la conoscenza della razza umana, ah ah ah.
E figuriamoci se vi sto a sentire quando mi parlate dei social network, Facebook, Twitter, Google+.
I giochi on line? Naaaa.
Le news? Ma per carità.
A che serve internet?
Qualcuno ha detto il porno?
Quasi, ma no.
Ve la dico io, la verità.
Ma dovrete essere forti, perché la verità potrebbe distruggervi.
Internet serve per i gattini, i colori pastello, le foto di Anne Siasempremaledetta Geddes.
A questo serve internet: a diffondere il male.
Ma per fortuna noi abbiamo la cura.

Deco – Elisabetta Decontardi – scrive e disegna Inkspinster dal 2003, e, benché si definisca più illustratrice che fumettista, porta avanti la sua creazione con tenacità indefessa. Cominciai a leggere la striscia diversi anni fa, e mai ho perso di vista il lavoro di Elisabetta.
Perché mi piace Inkspinster? Prima di tutto perché è un lavoro realizzato con cura e passione, con una dose notevole di intelligenza, un grande umorismo e tanta, tanta autoironia. La protagonista è la stessa autrice, la zitella d’inchiostro del titolo, persa in un mondo troppo grande e, fondamentalmente, troppo noioso per lei. Inkspinster non fa alcuno sforzo per adeguarsi al “mondo dei grandi”, resta attaccata alle sue certezze e alla sua bussola morale, alla costante ricerca di un po’ di pace e di tranquillità in un mondo troppo rumoroso. Il tratto di Deco (totale autodidatta, ma di grande talento) mi ricorda lo stile superbo di Quentin Blake (ne approfitto per segnalare questa mostra a Londra dedicata all’artista inglese), mentre l’umorismo macabro delle strisce è decisamente vicino a quello di Tim Burton. Il fumetto è in formato classico, otto vignette (in genere) divise su due strisce sovrapposte, disegnate in uno stile fiorito ed elegante.
Deco ha vinto diversi premi per i suoi lavori – non sto ad elencarli, cercateveli sul web – è un’artista riconosciuta e ricercata. E’ brava, Deco, brava davvero, e si meriterebbe maggior fama. Leggete le sue strisce, guardate le sue illustrazioni, cercatela in giro.
Che su internet e nella vita abbiamo bisogno di più Deco, e meno gattini.

Heike

Risorse web:
Inkspinster
– Le illustrazioni di Deco
– La app di Inkspinster per i vostri smartphone, voi che siete ricchi
Gattini!

Annunci