Tag

, , ,

Dovreste davvero avere e leggere questo fumetto, sia che amiate i supereroi sia, a maggior ragione, che non possiate sopportarli. Si tratta di una bella ristampa di una miniserie apparsa originariamente alla fine degli anni ’80, e già raccolta in volume dalla defunta Play Press agli inizi degli anni ’90, seppure in un’edizione con diversi errori di traduzione. Questo volume (al quale ne sono seguiti altri due che completano la bibliografia del personaggio con storie successive) rende finalmente giustizia allo straordinario lavoro di Pat Mills e Kevin O’Neill, due autori britannici che meriterebbero maggiore considerazione e (lo dico?) venerazione da parte degli appassionati. Se infatti è indubbio che sia stato Alan Moore il personaggio più importante a scrivere di supereroi in maniera adulta e innovativa, credo che nessuno possa competere con la satira velenosa e divertentissima di Pat Mills. Allo scrittore non interessano affatto il dramma e l’epica, che comunque sopravvivono anche in quasi tutte le storie di supereroi più radicali e rivoluzionarie, e preferisce concentrarsi sugli aspetti più ridicoli e grotteschi che sono insiti nel concetto stesso di giustiziere in calzamaglia, mettendoli alla berlina senza pietà. Come scritto nell’introduzione al volume, si tratta di un approccio autenticamente punk, esaltato dal caratteristico tratto nervoso e spigoloso di O’Neill, magari un po’ più grezzo rispetto all’equilibrio formale raggiunto poi con The League of the Extraordinary Gentlemen, ma forse per questo anche più sexy e coinvolgente. La trama ha l’impianto di una detective story, perché il protagonista Marshal Law, un poliziotto che dà la caccia ai numerosi supereroi impazziti, deve scoprire chi è l’omicida seriale che sta facendo fuori le ragazze che si vestono come Celeste, una versione ipersessuata di Wonder Woman che è anche la compagna di Spirito Libero, cioè l’idolo delle folle, lo strumento di propaganda del governo e quindi l’eroe più eroe di tutti. Inutile dire che Marshal Law odia profondamente Spirito Libero, perché lo ritiene, a ragione, l’incarnazione di tutto ciò che c’è di corrotto e falso nel mondo dei supereroi…
Ancora oggi, a molti anni dalla sua prima uscita, questo fumetto non ha perso la sua carica eversiva, nonostante tutto ciò che c’è stato dopo, che ha quasi sempre avuto l’obiettivo di normalizzare e disinnescare i concetti e i temi proposti, perché tanto, alla fine, le esigenze commerciali dell’industria dei comics, e ora anche del cinema, hanno sempre la precedenza.
Alessio Bilotta
MARSHAL LAW #01
RW Lion | 204 pagg. colore | 17,95 €
Sceneggiatura di:
Pat Mills
Disegni di:
Kevin O’Neill
Reperibilità:
volume uscito in primavera, si trova in
fumetteria o direttamente presso l’editore (qui)
Voto: 8

 

Advertisements