Tag

, ,

La serie Solo della DC Comics fu pubblicata negli Stati Uniti dal 2004 al 2006 in 12 numeri, ciascuno dei quali era realizzato da un singolo artista, libero di utilizzare qualsiasi personaggio e di raccontare qualsiasi tipo di storia. L’edizione italiana, curata dalla RW Lion, ha un po’ stravolto questo concetto, raccogliendo la serie originale in 4 volumetti suddivisi, anziché per autore, per personaggio o tema (Batman, Superman, Eroi DC e “Le Storie”), e quindi in ogni numero sono presenti quasi tutti gli artisti. Come in molte antologie, anche in quella dedicata a Batmane ai suoi comprimari la qualità è altalenante, e possiamo trovare alcuni buoni lavori a fianco di altri che, francamente, lasciano un po’ a desiderare. La parte grafica è di alto livello, e sebbene un maestro come Jordi Bernet sia un po’ sottotono, troviamo almeno tre piccole perle, e cioè la prima storia di Darwyn Cooke, l’episodio di Mike Allred e quello di Sergio Aragonés, che affiancano ad ottimi disegni anche sceneggiature interessanti e ben scritte, capaci di dire qualcosa di abbastanza originale su un personaggio che esiste da 75 anni. Visivamente notevoli anche la storia di Paul Pope e quelle di Damion Scott e Brendan McCarthy, due autori che non conoscevo e che mi hanno colpito per l’originalità del tratto, soprattutto Scott, un artista fortemente influenzato dalla graffiti art e che mi ricorda un po’ Druillet. Se anche i soggetti fossero stati all’altezza dei disegni, probabilmente staremmo a parlare di questa pubblicazione come di qualcosa di memorabile, temo invece sarà ricordata soltanto come un’operazione curiosa per specialisti.
Alessio Bilotta
BATMAN SOLO
(Batman Library #11)
RW Lion | 176 pagg. colore | 15,95 €
Testi di:
AA.VV.
Disegni di:
AA.VV.
Reperibilità:
uscito da poco, si trova
in fumetteria
Voto: 6+
Per saperne di più:
Tavola di Damion Scott
Adam West danza al ritmo dell’originale “Batusi”

 

Annunci