Tag

, ,

Quando ci si trova di fronte all’opera di un grandissimo come Guido Buzzelli, ci si accorge che molte discussioni sul fumetto, perlopiù speciose, vanno a farsi benedire, perché tanti quesiti sono risolti al meglio semplicemente ammirando le tavole e leggendo la storia. In questo capolavoro, infatti, non ha più molto senso interrogarsi sul formato, sulla gabbia, sul presunto target o sulla “letterarietà” o meno della storia disegnata, perché I labirinti è, banalmente, un fumetto intelligente e realizzato benissimo che può essere letto da tutti. Certo, poi i veri critici ci faranno apprezzare le prospettive ardite, le altissime citazioni pittoriche e la personalizzazione della sintassi fumettistica, ma anche il lettore non specialista potrà godere pienamente di quei meravigliosi e terrificanti disegni, davvero visionari, e della acuta satira socio-politica che sottende la trama, ancora oggi attualissima nonostante siano passati più di quaranta anni. Anche il protagonista, ennesimo alter ego dell’autore e personaggio nient’affatto epico o speciale, è un antieroe moderno in preda a contraddizioni che conosciamo bene, faticosamente sospeso fra un mondo molto terreno ma malato, violento e pericoloso e un’utopia artificiale, asettica e rigidissima nelle regole, e anche per questo irraggiungibile. Sì, perché il tema di questa storia è anche l’impossibilità di realizzare una società ideale, se non al prezzo di perdere per sempre la propria individualità. Speriamo che non sia altrettanto utopico, fra le ennesime ristampe di Pratt e Ken Parker, vedere riproposta in modo organico anche l’opera di questo artista straordinario.
Alessio Bilotta
I LABIRINTI
Edizioni Di | 78 pagg. b/n | 14,98 €
Storia e disegni di
Guido Buzzelli
Reperibilità:
questa edizione è stata pubblicata nel 2002,
da cercare nei circuiti di vendita online
Voto: 100

 

Annunci