Tag

, , ,

http://www.grantsnider.com/?p=174

Piccola premessa: i miei lettori mi perdoneranno se gran parte dei lavori che segnalo sono in inglese: purtroppamente questo dipende dal fatto che la maggior parte degli webcomic sono in inglese, e questo dipende dal fatto che la maggior parte della robba su internet è in inglese (per lo meno tra noialtri che usiamo caratteri latini). E’ più che altro una questione di percentuali, insomma, e anche del fatto che non parlo francese, o spagnolo, o giapponese, o coreano. Però prometto che non ci saranno solo fumetti nella lingua di Albione, ma anche delle robe italiane, giuro, e anche qualcosa dei maledetti francesi. Ma sempre e solo roba bella, su questo non si transige (ecco perché io non dò voti: a me questa roba che vi segnalo piace tutta).

Grant Snyder è un po’ amico mio. Non scrive davvero fumetti, non racconta storie: fa disegnetti, illustrazioncine, segni sghembi sulla pagina digitale. I suoi eroi sono sottili come canne al vento, saltano da una vignetta all’altra in cerca di ispirazione, sono dei sognatori. A me ricorda un po’ Thoreau, solo meno serioso e con parecchia voglia di prendersi in giro. I suoi fumetti parlano della difficoltà per un artista di cercare l’ispirazione e di mantenersi coerente in un mondo incoerente ed obliquo: si scivola, in questi disegni semplici ma mai banali, si precipita giù come su uno scivolo senza appigli. I suoi sono fumetti incidentali in senso pieno perché accadono, raccontano senza parere, te li vedi arrivare addosso come eventi inaspettati. Come la vita, insomma. Un minimalismo mai scontato, mai noioso, mai piagnone: sempre sorridente.
Il tratto di Snyder è elementare, i colori piatti, il rispetto della gabbia quasi claustrofobico. Ma è il contenuto che apre all’immaginario: questi fumetti (quasi) muti ci portano a ripensare sulla origine della nostra creatività, sul modo migliore per imbrigliarla o, forse anche meglio, scatenarla.

Risorse web:
INCIDENTAL COMICS
Grant Snider illustrations (fantastiche)
La rubrica dell’autore sull’Huffington Post
Twitter (se vi interessa. A me no, ma io son misantropo)

Annunci