Ieri è uscito XL in versione rinnovata nel formato e nella grafica, i contenuti più o meno mi sembrano gli stessi. Per quanto riguarda fumetti e illustrazioni, alle consuete strisce viene dato meno spazio, e continuo a pensare che la trovata di dare a tutti gli autori lo stesso tema, alla fine non sia una buona idea. Niente di eccezionale per le proposte di questo numero, forse ci vuole ancora un po’ di rodaggio.
Poi abbiamo: 2 pagine di “graphic journalism” di Pino Creanza, 4 pagine di anteprima (“Sweet Salgari” di Paolo Bacilieri) e 2 pagine di recensioni, sempre con il grande Bacilieri in evidenza. Le cose più interessanti mi sono sembrate gli articoli di David “Diavù” Vecchiato su Mark Ryden (pag. 160) e Neon Park (pag. 57), oltre alla inquietante Amy Winehouse disegnata da Lee Bermejo a corredo dell’articolo di Carlo Lucarelli. Non tradisce le attese, in ultima pagina (la 258esima), lo straordinario “Oroscopop!” del Dr. Pira.
I fumetti, in definitiva, non spiccano troppo dalle pagine della rivista, e in certi casi forse addirittura stonano con il resto, ma aspettiamo i prossimi numeri per avere un’idea più precisa.

Marilyn Monroe versione papera, di Neon Park
Annunci